Climar 2 | Asssistenza caldaie Immergas | Depurazione acqua domestica
Arsenico nell'acqua

Ennesimo allarme per alcuni comuni Italiani.                                                                 Questa volta si parla addirittura dell'arsenico trovato nell'acqua di alcuni comuni italiani. Il problema è serio perché un assunzione prolungata di arsenico, una sostanza altamente cancerogena, disciolto nell'acqua che beviamo, che usiamo per cucinare o per lavarci i denti può provocare danni al sistema nervoso, lesioni cutanee, malattie cardiovascolari e cancro. 

Perchè avvelenarsi la vita? Che senso ha, ad esempio, comprare cibi biologici se poi non sappiamo con che acqua laviamo frutta e verdura o con cui la cuciniamo? E' quello che si chiedono alcuni italiani. 

Ecco perché l'Organizzazione Mondiale della Sanità, un'agenzia specializzata per la salute fondata nel 1946 (World Health Organization), si sta interessando così tanto di questo problema. Numerosi utenti italiani, come hanno descritto alcuni giornali  stanno tentando di chiedere un risarcimento per non aver potuto bere e utilizzare l'acqua che sgorga dal proprio rubinetto perché ritenuta contaminata proprio dall'arsenico. 

Cos'è l'arsenico?

L'arsenico è un semimetallo, un elemento chimico di numero atomico 33, fa parte di una terza categoria in cui si possono suddividere gli elementi in base alle loro caratteristiche fisiche e chimiche. I semimetalli sono 7:

  1. antimonio
  2. arsenico
  3. boro
  4. germanio
  5. polonio
  6. silicio
  7. tellurio

L'arsenico elementare si trova in due forme solide, le cui densità relative sono 1,97 e 5,73. 

Come si usa l'arsenico?

Incredibile a dirsi l'arsenico è stato usato come pesticida sugli alberi da frutto, con i relativi danni, a volte anche neurologici, che può aver causato sia agli agricoltori che lo spargevano, che per gli ignari consumatori. Anche perchè, utilizzandolo liberamente nelle varie coltivazioni si aumenta il rischio di inquinamento del terreno e delle relative falde acquifere. 

L'acqua inquinata dall'arsenico rischia così di arrivare nelle abitazioni di coloro che, ironia della sorte, la utilizzano per lavare frutta e verdura che poi mangeranno. Una massiccia epidemia di avvelenamento da arsenico si è registrata in Bangladesh dove si calcola che circa 57 milioni di persone bevano acqua da pozzi contaminati con concentrazioni di arsenico superiori ai limiti massimi stabiliti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. 

Essendo un semiconduttore, l'arseniuro di gallio, viene usato nei circuiti integrati, nei led e nei diodi laser perchè si sono rivelati molto più veloci di quelli realizzati in silicio. Viene utilizzato anche nei pannelli fotovoltaici e in alcune forme, come il triossido di arsenico, è stato usato come terapia medica per curare la leucemia promielocitica.   

In epoca vittoriana si usava per i cosmetici e durante i periodi di guerra anche come gas tossico letale. In alcune zone della terra viene usato anche per la disinfestazione delle case dalle termiti, come impregnante per il legno da costruzione e perfino per fare fuochi d'artificio.

Rischi per la salute

Si è sentito parlare molto del problema dell'arsenico trovato nell'acqua di alcuni comuni italiani. In effetti questo è un segnale preoccupante visto che l'arsenico viene riconosciuto come altamente tossico e cancerogeno, un veleno molto potente e difficile da riconoscere essendo privo di sapore e inodore. Oltre alla morte per shock, al cancro e alcune neoplasie della pelle, può causare danni al sistema nervoso e digestivo a motivo del fatto che viene rapidamente e quasi completamente assorbito dal nostro apparto gastro intestinale. 

L'arsenico riduce anche le difese antiossidanti dell'organismo e può causare stress ossidativo infrangendo il nostro equilibrio fisiologico. E' bene diffidare di chi propone filtri o filtrini anti arsenico in modo superficiale, approffitando dei dubbi e del legittimo timore di chi vuole bere un acqua veramente pulita.

Generalmente i prodotti economici destinati ad un uso fai da te non corrispondono alle stesse e affidabili caratteristiche dei prodotti professionali. 

Esistono oggi molti prodotti utili ed efficaci per depurare l'acqua, devono però essere installati e controllati da personale esperto e veramente qualificato.